Seguici su
facebook

Le 5 leggi bio-logiche scoperte dal dott. Hamer

 “Quelle che noi comunemente chiamiamo “malattie” non sono altro che processi di adattamento che la natura ha previsto per noi, così da permetterci di superare al meglio gli eventi inaspettati che ci troviamo ad affrontare nella vita”.

 A fornire questa visione, alternativa rispetto alla medicina ufficiale, ma scientificamente esatta e riscontrabile nel 100% dei casi verificati è stato il dott. Ryke Geerd Hamer, con la scoperta straordinaria delle 5 Leggi Biologiche, che spiegano esattamente perché e come il nostro corpo (nonchè quello degli animali e dei vegetali) agisce quando noi lo riteniamo “malato”.

Grazie a questa conoscenza, è oggi possibile collegare con precisione scientifica la "cosiddetta" malattia alla persona ed alle sue esperienze di vita. Le straordinarie scoperte di questo Medico-Maestro cambieranno la vita dell'Umanità... non appena l'Uomo sarà pronto...  I fortunati che arrivano a contatto con queste preziose Leggi hanno la possibilità di ricevere un'apertura di coscienza non da poco, liberandosi da un peso enorme di schiavitù e paura.

Il nostro Centro contribuisce a diffondere questo prezioso materiale dal 2009, con Conferenze, Gruppi di studio, Seminari introduttivi e Corsi Base, condotti da esperti di 5 Leggi Biologiche, quali Claudio Trupiano, biologo, autore del famosissimo libro “Grazie dott.Hamer”, Barbara Milighetti e Francesco Pastore, osteopati di Genova ed Emmanuele Lupi, medico, già facente parte dell’Equipe Di Bella, che ci ha regalato negli ultimi anni molte bellissime occasioni di crescita in conoscenza ed essenza.

Riferimento organizzativo: Giovanna Fanfani  In qualità di Presidente di un'Associazione di auto-guarigione, conoscenza di Sé e spiritualità,  ha messo a disposizione l'esperienza di anni di lavoro in tali ambiti ottenuta grazie a percorsi propri ed altrui, allo scopo di approfondire questo “ponte” stupefacente della rilettura biologica delle malattie, che si incastra alla perfezione in un piano molto più ampio dove tutto ha un senso, compresa la manifestazione di disagio del nostro corpo intelligente. “Cronicamente malata” lei stessa (secondo la definizione della medicina classica), ha incontrato nel 2007 le 5 Leggi Biologiche scoperte dal dott. Hamer. Avendole esperite con successo su di sé, ha poi seguito il biennio di formazione di Nuova Medicina a Pontremoli con Marco Pfister e Simona Cella e grazie ad esso ha  profondamente rivisto, completato ed arricchito le proprie conoscenze di medicina alternativa con questa visione puntuale ed esatta di come funziona il nostro corpo.  

In attesa che la classe medica riesca a fare il salto di qualità che le consenta di accettare e mettere in pratica un bene così grande come solo la Verità sa essere, il nostro Centro è umilmente fiero di poter fare qualcosa per contribuire a diffondere questo prezioso materiale.  Sono caldamente invitati ad approfondire la materia  i terapeuti che vogliono confrontarsi imparando a "vuotare la tazza troppo piena", coloro che temono e subiscono una qualsiasi “cosiddetta” malattia, coloro che hanno persone care malate e vogliono aiutarle e coloro che hanno perso la fiducia nel proprio corpo.

 Siti di riferimento:  www.albanm.com - www.nuovamedicina.com - www.saluteattivaonlus.it

 

 curva Hamer/CLEAR

Ma .... cosa sono dunque queste 5 Leggi Biologiche?

- SINTESI FACILE di GIOVANNA FANFANI –

l’Universo risponde, nel suo funzionamento, a numerose Leggi, fisiche come la Legge di Gravità e metafisiche, quali la Legge di Risonanza o dello Specchio. Le Leggi Universali sono delle fotografie di come funzionano le cose. Sono tutte sempre verificabili al 100%. Allo stesso modo, per quanto riguarda il funzionamento del nostro corpo, esistono 5 Leggi che spiegano esattamente come funziona la Vita. La natura si è evoluta, in miliardi di anni, facendo sì che tutte le forme viventi potessero adattarsi di fronte alle situazioni più disparate. Dagli studi del dott. Hamer, iniziati al seguito della tragica morte del figlio Dirk, emerge che la malattia è parte di un SBS - programma Speciale, Biologico e Sensato, che si attiva nel nostro corpo per far fronte in modo biologico (cioè logico per la vita ...!) ad una nuova ed imprevista situazione. Ecco che tutto, anche ciò che noi chiamiamo mal- attia ha una sua causa ed una sua ragione intelligente di esistere. Il disagio e la sofferenza da essa derivanti non conseguono solo dal processo in sé e dalla paura ad esso collegata, ma anche dalla nostra incapacità/impossibilità di liberarci dal conflitto (*) che viviamo. Le 5 Leggi Biologiche scoperte dal dott.Hamer ci permettono di spiegare questo programma, in modo da comprendere esattamente (non più sulla base di ipotesi e di statistiche!) cosa sta succedendo nel nostro corpo e nella nostra psiche (parte emotiva), decidendo con maggior cognizione di causa quando, come e se intervenire.

1° LEGGE BIOLOGICA- Ogni “cosiddetta” malattia inizia da uno shock biologico acuto, inaspettato e vissuto con senso di solitudine (DHS=Sindrome di Dirk Hamer) che si verifica contemporaneamente su tre livelli: psiche (parte emotiva), cervello (dove si potranno vedere nella TAC i “focolai di Hamer”) e organo. Il contenuto del conflitto, cioè il sentito biologico (preciso ed unico per quell’unico individuo) percepito durante lo shock determinerà sia la posizione nel cervello del Focolaio di Hamer che la localizzazione organica dei sintomi. Inoltre, il decorso della “cosiddetta” malattia è sincrono sui tre livelli ... cioè, dall’inizio alla fine del conflitto, osservando le emozioni provate, il comportamento del focolaio cerebrale ed i sintomi fisici, possiamo sapere a che punto dello stesso ci troviamo. Il sistema è pertanto sovra-determinato, cioè se conosciamo uno dei tre livelli, psichico, cerebrale o organico, possiamo determinare gli altri due. La “cosiddetta” malattia segue infatti il preciso programma, finalizzato alla guarigione detto SBS (= Speciale, Bio-logico e Sensato).

2° LEGGE BIOLOGICA - Il programma SBS, che il corpo segue verso la guarigione, ha un decorso bifasico, con una fase attiva simpaticotonica (vedi zona gialla nel disegno - detta di CA = Conflitto Attivo ) ed una di riparazione vagotonica (vedi zona rossa nel disegno - detta di PCL = Post Conflitto-Lisi). Questo, ammesso che avvenga il superamento dello shock attraverso la CL = Conflitto-Lisi (*); altrimenti si resta in fase attiva. A metà della PCL c’è un momento critico (CE = Crisi Epilettoide), quasi una prova per l’organismo, che determina, se superato, il ritorno alla normotonia. In questo programma esistono dei tempi precisi e prevedibili ... sapere che - al massimo - se non intervengono recidive, il periodo peggiore per dolore, gonfiore o febbre durerà 21 giorni (trattasi della prima parte della PCL - quella che precede la CE) dà molta forza a chi soffre.

3° LEGGE BIOLOGICA - Gli organi del corpo (p.es. polmoni, occhio, seno, capelli) sono composti da tessuti. I tessuti hanno origine dai 3 diversi foglietti embrionali (endoderma, mesoderma ed ectoderma) sviluppatisi durante l’evoluzione, che sono diretti da zone diverse del cervello (paleo/neo encefalo). L’origine precisa dei tessuti cosiddetti “malati” e la loro conseguente dipendenza cerebraledichiarano il conflitto vissuto e determinano il tipo di comportamento durante l’SBS, compreso il tipo di microbi che possono intervenire, la possibile durata massima della CE, la possibile temperatura febbrile massima, i possibili conseguenti segni nel corpo (cicatrici, calli, cisti ecc.), la corrispondenza sull’eventuale Tac cerebrale e quella dell’eventuale esame istologico, l’eventuale collegamento alla lateralità (destrimane/mancino), l’influenza sul “carattere” (costellazioni, bilancia dell’umore) ecc. Condizionano inoltre l’azione - ove possibile - nell’intervento d’urgenza (p.es. localizzazione del ghiaccio sulla testa). L’organo SENO contiene, per esempio, il tessuto ghiandolare delle ghiandole mammarie (quello che produce il latte) ed il tessuto epiteliale dei dotti lattiferi (quello che consente al latte di uscire all’esterno). Il tessuto ghiandolare ha origine dal foglietto mesodermico antico (diretto dal paleo encefalo) e il tessuto dei dotti ha origine dal foglietto ectodermico (diretto dal neo encefalo). Conoscere il foglietto embrionale di origine, quando si parla di un “cosiddetto” tumore al seno, ci consente di riconoscere in quale fase del relativo SBS siamo, se in CA o in PCL e quale sia il tipo di conflitto vissuto dall’organismo. Infatti, “c’è crescita e crescita”. Per questo la terza legge è anche detta “LABUSSOLA” di Hamer. La conoscenza della Terza Legge è preziosissima per medici e terapeuti a conoscenza delle 5 Leggi, in quanto consente loro di regolarsi nelle loro diagnosi e nelle loro prescrizioni.

4° LEGGE BIOLOGICA - Abbiamo visto (3° legge) che l’appartenenza dei tessuti organici ai 3 diversi foglietti embrionali d’origine determina il loro comportamento durante l’SBS. La quarta legge specifica anche il tipo di microbi che possono intervenire nelle SBS di pertinenza di tali foglietti e la loro modalità d’azione. I microbi sono gli utili “simbionti” dell’ organismo. Si trasmettono continuamente da un organismo all’altro, ma si moltiplicano e attivano solo quando l’organismo ricevente vive il conflitto corrispondente. Ecco perché alcuni bambini “prendono” la scarlattina e altri no. Esistono microbi specializzati che hanno il compito di costruire, altri che hanno il compito di demolire e altri ancora che invece “decidono” quale ruolo compiere a seconda dei bisogni dell’organismo che il cervello segnala loro. Tuttavia, rispettano sempre l’appartenenza al foglietto embrionale di competenza.

5° LEGGE BIOLOGICA - Abbiamo visto che la cosiddetta “malattia” inizia da uno shock bio-logico che innesca un programma finalizzato alla guarigione dell’individuo coinvolto a patto che si superi il conflitto relativo (*)

L’evoluzione non garantisce la sopravvivenza di tutti gli elementi viventi messi alla prova, bensì solo di coloro che reagiscono/possono reagire in tempo utile: il suo scopo è il miglioramento funzionale della vita, non la “sopravvivenza a prescindere”……. Le cause di morte naturale, non di origine iatrogena, sono poche, tuttavia esistono. Nel mondo umano, sono dovute soprattutto alla nostra cocciutaggine nel “non voler vedere la realtà”, rinnegando i segnali – talvolta sottili - che il corpo invia. Questo determina la cosiddetta “cronicità della malattia”, spesso dovuta a comportamenti automatici, del tutto anti-sopravvivenza. Tutta da verificare, caso per caso, nelle situazioni in cui c’è un coinvolgimento sentimentale importante, l’esistenza di un sottostante “disegno d’amore”, che dia al “restare nella trappola” un significato “Sacrificale” (avente la S maiuscola), anziché suicidale. Comunque vada, qualsiasi esperienza di vita si rivela tuttavia “Sacra” proprio se - salendo - realizziamo che, attraverso il dolore delle sue creature, compreso il passaggio da “sorella” morte, la Vita impara sempre qualcosa.

(*) Attenzione!!! - Superare un conflitto non significa necessariamente non vivere più la stessa situazione, ma magari imparare a viverla in modo non più conflittuale ... O per dirla con le parole di Deepak Chopra:

Noi siamo le sole creature sulla terra che possono cambiare la propria biologia

con il modo in cui pensiamo e sentiamo.” 

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Proseguiendo con la navigazione su questo sito e utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo
Centro Luce e Armonia - Associazione di promozione sociale - Via XX Settembre, 21/9 - 16121 Genova (Ge) • P.IVA 01629940998
2017  www.centrolucearmonia.it  globbersthemes joomla templates